Benvenuti! In un blog indipendente dedicato alla pratica ed al tuning delle mountain bikes e delle bici in generale. Powered by Oiro.

venerdì 18 ottobre 2013

PZZ bike - EL BAO [the urban assault]


In occasione dei vent'anni di elaborazioni del PZZ garage, dal mio primo lavoro (la LL bike prototype 1993), ecco arrivato il mio ultimo veicolo da città: EL BAO!
Iniziamo dal nome. Il "Bao" è un uomo tutto nero che si aggira di notte a rapire i bambini: era in pratica il classico spauracchio usato per i più piccoli, affinchè non si sognassero di gironzolare di notte da soli.
Il progetto della mia bici partiva da qui. Un veicolo il più possibile nero, esclusi alcuni particolari (sella, manopole e borsello centrale), lasciati volutamente di colore un pò diverso, ma non troppo.
Chiariamo subito che si tratta della mia bici che uso per andare al lavoro ed ovviamente, viste le gomme, va usata solo su asfalto. Non sognatevi di andarci in fuoristrada con queste gomme... Ve lo dico per esperienza.


La base di partenza è un buon telaio da mountain bike misto alluminio/carbonio, dal peso abbastanza contenuto (circa 1.550gr.) con carro posteriore di tipo fishbone. Il telaio originale è stato completamente sverniciato e riverniciato (aggrappante, vernice, adesivi e mano finale di traparente satinato), da ultimi alcuni adesivi esterni, tutto fatto da me medesimo.
La forcella è una solidissima Noolen Elite. Ha subito lo stesso trattamento cromatico del telaio e inoltre è stata ulteriormente alleggerita per arrivare al peso di circa 1.700 gr., che pertanto raggiunge un peso eccellente, per essere una forcella di fatto a doppia piastra e con ammortizzatore a molla.

La componentistica poi prevede un cambio posteriore Shimano XTR Shadow RD-M972 sgs, un deragliatore Shimano XT FD-M760 elaborato.

In pratica questa bici è un esempio di restomod. Infatti la componentistica spazia su oltre 10 anni: forcella Noolen (1997), ruote Crossmax (2000), manubrio (2002), telaio (2008), cambio Xtr Shadow (2009), guarnitura Sram (2012), sella San Marco Regal (2013) ...






















Comportamento su strada
Questa bici è divertentissima. Personalmente ho sempre amato molto le bici scattanti da cross country, le classiche mtb dure come una spada che regalano scatti e rilanci tremendi, anche a discapito del comfort: questa bici regala proprio tutto ciò.
La rigidità globale è dovuta a mio avviso a più fattori:
  • il telaio con foderi posteriori alti e bassi di tipo wishbone (unificati);
  • la geometria del telaio sloping;
  • il diametro delle ruote da 26 pollici;
  • le ruote radiali Mavic Crossmax;
  • le gomme Schwalbe Kojak 26x2"00;
  • la forcella Noolen a paralleogramma.
Di fatto la bici regala accelerazioni brucianti... gambe permettendo :) ... rimanendo forse un pò penalizzata nel comfort.
Precedentemente avevo anche provato per alcuni mesi delle coperture simili ma più strette (Maxxis Xenith 1"50), ma onestamente per questo allestimento a mio avviso erano troppo dure per un uso quotidiano: ogni buca dell'asfalto era una mazzata.
Queste Schwalbe Kojak sono molto interessanti, perchè garantiscono un discreto comfort e il disegno slick permette ottime pieghe e un buona tenuta di strada. Solo con l'anteriore non mi trovo ancora totalmente in confidenza, ma credo sia un problema iniziale di gomme da rodare. Mi è già capitato quest'anno di provare queste gomme anche sul bagnato e sono rimasto molto soddisfatto della tenuta: la mescola garantisce un'ottimo grip anche su asfalto bagnato e umido.

La borraccia nera sotto il tubo obliquo è solo un porta-attrezzi, molti me la scambiano per un porta-batteria, credendo che la bici sia elettrica...

Il borsello centrale l'ho realizzato in simil-pelle per risparmiare peso (la pelle vera pesa di più) e può contenere qualche oggetto.

Il faretto anteriore a led è pure una mia realizzazione: ha due posizioni, luce a led singolo o luce full-led. Quest'ultima di notte devo ammettere regala un'ottima illuminazione.

Vi segnalo infine l'originale posizione del contachilometri BBB, scelta volutamente per rendere più originale e più pulita la zona del manubrio. Il supporto, costituito da un leggerissimo tubo in pvc, ricoperto di un foglio in carbonio, sul lato destro monta il contachilometri, mentre sul lato sinistro è lasciato libero per montare altri accessori. 


EL BAO [PZZ bike]

 COMPONENTE

MARCA
MODELLO
ATTACCO MANUBRIO
Ritchey
Wcs 120 mm standard
BORRACCIA PORTATREZZI
Bbb
Tools & tubes L (BTL-18L)
BORSELLO
PZZ components
“El borsel I”
CAMBIO POSTERIORE
Shimano
XTR RD-M972 sgs
CAMERE D'ARIA
Maxxis
Flyweight
CANOTTO REGGISELLA
carbon/alloy 31.6mm
CASSETTA PIGNONI
Shimano
Dura Ace CS-7800 11-27 9v
CATENA
Kmc
X9SL silver
CAVI E GUAINE
Shimano
Dura Ace
COLLARINO REGGISELLA
N4a
titanium axle
COMANDO CAMBIO
Shimano
XT 9v
COPERCHIETTO EXPANDER
PZZ components
Tap de carbon I
COPERTURA ANTERIORE
Schwalbe
Kojak 26x2”00
COPERTURA POSTERIORE
Schwalbe
Kojak 26x2”00
CORONE
Extralite/Frm
Octaramp 44 e Frm 32-22
CORPI FRENI
Frm
Dp 4
CURVA MANUBRIO
Easton
EA 70
DERAGLIATORE
Shimano
XT FD-M760
FORCELLA
Noolen
Elite tuned bolts V-brake titanium
LEVE FRENO
Frm
Dp 4
MANOPOLE

In pelle con cuciture
PEDALI
Bbb
Cartridge bearings
PEDIVELLE + MOVIMENTO CENTRALE
Truvativ
Stylo
PORTABORRACCIA
No brand
carbon
RUOTA ANTERIORE
Mavic
Crossmax Ust
RUOTA POSTERIORE
Mavic
Crossmax Ust
SELLA
San Marco
Regal
SERIE STERZO
Ritchey
Wcs
SGANCI RAPIDI
Ctk
Titanium axle
SPESSORI ATTACCO MANUBRIO
Wr compositi
carbon
TELAIO
No brand
Alloy/carbon 18”
VITERIA CORONE
Srp
ergal
VITI FISSAGGIO PEDIVELLA
Srp
ergal
VITI PORTABORRACCIA
Srp
ergal
VITI V-BRAKE
Srp
ergal
LUCE ANTERIORE
PZZ components
“El faret a led I”
LUCE POSTERIORE
Bbb
led

11 commenti:

  1. la bici mi piace è un alternativa alla mountain bike con le gomme slick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille.
      In effetti questa bici è un 'evoluzione non da poco rispetto ad una classica mtb con gomme slick.
      Direi anzi che è un genere quasi a sè.

      Un cordiale saluto.

      Elimina
  2. sei spettacolare!!! sai valorizzare alla grande ciò che per "ingordigia consumistica" buttiamo via...Bravo OIRO!

    RispondiElimina
  3. Grazie mille. Apprezzo il complimento, anche perchè non faccio parte della vasta massa che crede ciecamente nel motto "nuovo è sempre meglio!". Questa bici è un bel mix di componenti che spazziano dal 1998 (forcella Noleen), fino al 2010 (cambio XTR Shadow), passando per il 2000 (ruote Crossmax), il 2009 (telaio)... Insomma più di un decennio. E comunque come vedi questa bici è un pò il "contro-manifesto" delle mode d'oggi, ruote da 26 e V-brake docent.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. hahaha molti figo (el bao) sono il massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Massimo,
      mi raccomando fai il bravo, altrimenti arriva EL BAO !!!

      Elimina
  5. Gran bella bici... poi la guarnitura con quelle corone gli da ancora piu'stile. Complimenti per aver reperito tutti i componenti di un tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessio,
      ti ringrazio per il tuo apprezzamento.
      Come correttamente osservi anche un set di corone di alto livello possono cambiare non poco l'aspetto globale di una bici.
      Quanto ai pezzi sono quasi tutti facilmente reperibili nei vari mercatini online (Kiji.it, subito.it, adesso pedala.com ...).
      Il componente più difficile da trovare sopratutto in buono stato è la forcella: questa è Noolen prodotta nel 1997 e montata solo sulla Proflex 857. Cercando si trova ogni tanto pure lei.
      Buone pedalate 😉

      Elimina
  6. Ciao Oiro. Adesso che ho osservato bene il telaio mi sembra di riconoscere nel suo design il marchio Sintesi modello 996 marathon. A quel tempo vendevano sia bike completa sia come telaio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessio.
      In effetti il telaio del Bao è molto simile al Sintesi 996, ma in realtà questo telaio è marchiato Race Mountain.
      Questa soluzione mista alluminio/carbonio era molto in voga tra il 2005 e il 2010, poi però è stata usata sempre meno.
      A presto ☺

      Elimina
    2. Grazie della precisazione Oiro.Buona giornata.

      Elimina